testata inforMARE

20 luglio 2018 10.38 GMT+2
 


11 gennaio 2018   

Il governo rumeno vuole statalizzare il cantiere navale Daewoo-Mangalia Heavy Industries

Il primo ministro ha affermato l'intenzione di esercitare il diritto di prelazione e acquisire il restante 51% del capitale dell'azienda

Il primo ministro rumeno Mihai Tudose ha manifestato l'intenzione di statalizzare il cantiere navale Daewoo-Mangalia Heavy Industries (DMHI). Ieri, in un'intervista all'emittente televisiva rumena Antena3, il premier - specificando che per la sua proposta verrà bollato come funzionario comunista e acceso militarista - ha sottolineato che per lo Stato rumeno non è possibile non avere un cantiere navale con cui costruire navi per la Marina e per effettuarne la manutenzione.

Evidenziando che sinora lo Stato rumeno non ha fatto altro che vendere, Tudose ha affermato che ora è il momento di comprare. Il primo ministro ha affermato che l'intenzione è di esercitare il diritto di prelazione ed acquisire il 51% del capitale azionario della DMHI in mano alla sudcoreana Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering Co. (DSME) (il restante 49% è di proprietà della società pubblica rumena 2 Mai Mangalia Shipyard).

L'intenzione di Tudose si scontra con quella del gruppo navalmeccanico olandese Damen Shipyards, che lo scorso novembre ha sottoscritto un accordo con la DSME per comprare la quota dell'azienda sudcoreana nella DMHI, accordo che nei giorni successivi è stato autorizzato dall'autorità rumena per la concorrenza.




 
 


Cerca altre notizie su




 
 



Indice notizie
Archivio notizie


Piazza Matteotti 1/3 16123 Genova (I)
tel.: 010.2462122 fax: 010.2516768
e-mail